Mete

La meta è ciò che mette capo al viaggio; ossia è il suo starter. Il viaggio lo intraprendiamo inizialmente perché quella è la nostra meta, quello il nostro fine, ciò che volgiamo raggiungere, il luogo dove vogliamo arrivare; e solo in coda, al termine, quando, se tutto è andato bene, lo abbiamo guadagnato, comprendiamo che quella meta, quel fine, ha dato vita a un percorso, a una strada che altrimenti non avremmo mai battuto: questo è veramente importante. Senza quella meta non ci sarebbe stato né uscire di casacamminare. Tuttavia il farsi della vita, è chiaro, si dà nel presente, mentre la meta, il fine, è nel futuro per definizione, dunque, qualcosa che non è ora, ma che è in un secondo momento. Vivendo nel presente, quello che esperiamo istante per istante è il viaggio, il percorso, il passo che stiamo pestando, la luce che stiamo vedendo, qui e adesso. La meta e il fine semanticamente non sono mai qui e adesso. Il viaggio è invece un trascorrere, un trascendere da un istante al successivo, è un’idea che porta in se é la dimensione della durata e della continuità delle frazioni di tempo.

Se ancora sapessimo ascoltare le storie, coglieremmo la metafora dei nomadi e delle carovane, dello spostarsi da un’oasi alla successiva, riempendo del viaggio l’apparente vuoto dei deserti.Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...